• levi ok home1
    Carlo Levi
  • gesualdo-da-venosa
    Gesualdo da Venosa
  • morra home ok1
    Isabella Morra
  • orazio home ok1
    Quinto Orazio Flacco
  • papaleo ok home1
    Rocco Papaleo
  • gesualdo ok home1
    Giovanni de Gregorio detto “Il Pietrafesa”
  • donald ok home1
    William Donato Phillips
  • scotellaro home1
    Rocco Scotellaro
  • alianelllo
    Carlo Alianello
  • coppola
    Francis Ford Coppola
  • michele tedesco ico
    Michele Tedesco
  • janora ico
    Michele Janora
  • ridola
    Domenico Ridola
  • De Luca
    Don Giuseppe De Luca
  • Albino Pierro
    Albino Pierro
  • Giustino Fortunato
    Giustino Fortunato
  • F.S.Nitti
    F.S. Nitti
  • sinisgalli
    Leonardo Sinisgalli
Stampa

I Luoghi

Postato in morra

Valsinni


castello velsinniA Valsinni la vita scorre tra passato e presente. Sul punto più alto del paese, ai cui piedi si snodano i vicoli del borgo medievale, si distingue il Castello in cui è vissuta Isabella Morra, morta per mano dei fratelli contrari ad una presunta relazione con un giovane. Oggi monumento nazionale, il maniero è stato edificato nei primi anni dopo il 1000, divenendo proprietà della famiglia Morra agli inizi del 1500. Proprio tra le stanze della fortezza, da una perquisizione successiva all’uccisione di Don Diego de Sandoval, il presunto amante della poetessa lucana, è stato rinvenuto il suo testamento intellettuale. Una leggenda narra che, in realtà, Isabella non abbia mai abbandonato le stanze del castello di cui è stata “prigioniera”, vagando ancora, silenziosamente, nei sui spazi.
Aperto tutto l’anno, alla poetessa triste è dedicato poi il Parco Letterario, il cui leit motiv è la poesia. Attorno ai versi dell’infelice lucana si compie infatti un viaggio nella memoria che spazia fino agli usi e alle specificità dei luoghi del suo tempo.

Il Fiume Sinni


fiume sinni
È uno dei quattro fiumi che bagnano la Basilicata, insieme a Bradano, Basento e Agri. Al corso d’acqua spesso la poetessa Isabella Morra affida i suoi pensieri fino a renderlo protagonista dei suoi stessi componimenti. Come quello in cui, prevedendo la sua fine, vittima del forte astio da parte dei suoi fratelli per la presunta relazione con Diego Sandoval, Isabella chiede al fiume Sinni di raccontare ogni verità al padre, una volta di ritorno a Valsinni: «Torbido Siri, del mio mal superbo,/or ch'io sento da presso il fine amaro,/fa' tu noto il mio duolo al padre caro,/se mai qui 'l torna il suo destino acerbo./Dilli com'io, morendo, disacerbo/l'aspra fortuna e lo mio fato avaro,/e, con esempio miserando e raro,/nome infelice e le tue onde io serbo./Tosto ch'ei giunga a la sassosa riva/(a che pensar m'adduci, o fiera stella,/come d'ogni mio ben son cassa e priva!),/inqueta l'onda con crudel procella,/e dì: - M'accrebber sì, mentre fu viva,/non gli occhi no, ma i fiumi d'Isabella».

Melfi


melfi-panoramicaNel Castello Federiciano di Melfi, il più noto della Basilicata e tra i più grandi del meridione, nel 2005 sono state girate alcune scene del film “Sexum Superando - Isabella Morra” diretto da Marta Bifano e proiettato in anteprima alla “Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia”. Il film racconta la difficile esistenza della poetessa lucana uccisa dai fratelli contrari al suo fidanzamento con un giovane.
Nel 1231 in questo maniero, all’interno del Salone delle Scodelle, l’Imperatore Federico II ha promulgato il “Liber Augustalis”, le Costituzioni di Melfi che avrebbero rivoluzionato l’impianto giuridico del tempo fino all’epoca moderna.
Edificato dai normanni, il castello è stato poi ricostruito da Federico II di Svevia, successivamente dotato di nuove torri da Carlo I d'Angiò e rimaneggiato dai Caracciolo e dai Doria. Ad oggi la struttura si caratterizza di dieci torri, sette delle quali sono rettangolari, tre pentagonali. L’imponente fortezza, inoltre, è dotata di quattro ingressi, uno di questi è utilizzato ancora oggi e consente l’accesso al paese attraverso un ponte. Al piano terra ha sede il Museo Archeologico Nazionale del Melfese.

Lagopesole


lagopesole-itinerariIl Castello Federiciano di Lagopesole è legato ad Isabella Morra perché scelto dalla regista Marta Bifano come set per alcune scene del film “Sexum Superando - Isabella Morra”, dedicato proprio alla giovane poetessa e alla sua tragica morte per mano dei fratelli. Una delle ultime residenze volute dall'Imperatore Federico II di Svevia in Basilicata, il castello è un massiccio blocco rettangolare articolato su due piani e caratterizzato da due cortili, uno maggiore e uno minore. Oggi proprietà demaniale e sede del Corpo Forestale dello Stato, il maniero normanno svevo ospita interessanti attività culturali. Tutta l’estate in ogni suo spazio rivive “Il Mondo di Federico II”. Oltre alla possibilità di visitare il Castello, un Museo Narrante fa intraprendere al visitatore un percorso di visita innovativo, mentre nella corte uno spettacolo multimediale proiettato sulle mura della fortezza ne racconta la storia costruita attorno alla figura dell’Imperatore, interpretato da Remo Girone.
Altrettanto affascinante è la rievocazione storica “Alla Corte di Federico” che ripropone la prima visita documentata dello “Stupor Mundi”.

Share