• levi ok home1
    Carlo Levi
  • gesualdo-da-venosa
    Gesualdo da Venosa
  • morra home ok1
    Isabella Morra
  • orazio home ok1
    Quinto Orazio Flacco
  • papaleo ok home1
    Rocco Papaleo
  • gesualdo ok home1
    Giovanni de Gregorio detto “Il Pietrafesa”
  • donald ok home1
    William Donato Phillips
  • scotellaro home1
    Rocco Scotellaro
  • alianelllo
    Carlo Alianello
  • coppola
    Francis Ford Coppola
  • michele tedesco ico
    Michele Tedesco
  • janora ico
    Michele Janora
  • ridola
    Domenico Ridola
  • De Luca
    Don Giuseppe De Luca
  • Albino Pierro
    Albino Pierro
  • Giustino Fortunato
    Giustino Fortunato
  • F.S.Nitti
    F.S. Nitti
  • sinisgalli
    Leonardo Sinisgalli
Stampa

Itinerari Tematici - Sinisgalli

Postato in sinisgalli

Montemurro - Antico lavatoio Il viaggio sulle tracce di Leonardo Sinisgalli rimanda i luoghi della sua infanzia, a cominciare da Montemurro. Questo centro della Val d’Agri in cui natura, cultura e storia da sempre rappresentano una seducente combinazione che incanta il visitatore, oggi ospita la Fondazione Leonardo Sinisgalli, nata nel 2008 in occasione del centenario della nascita del poeta. Qui si trovano fotografie, riviste di grafica e design e i libri appartenuti a Sinisgalli. Attraversare a piedi il paese e poi visitare la campagna circostante è il miglior modo per ripercorrere i luoghi amati dal poeta, cercando di cogliere quegli elementi dell’abitato e del paesaggio che egli rese immortali nei suoi versi. Montemurro ha sempre amato e ricordato il suo più illustre concittadino. Così come ricorda Giacinto Albini, patriota risorgimentale e sindaco del paese il cui busto campeggia nella piazza a lui intitolata (un altro busto è esposto al Pincio a Roma, tra quelli dei Padri dellaviggiano s Patria) e Maria Padula, artista e scrittrice, moglie del maestro Giuseppe Antonello Leone. Oggi quest’ultimo dirige ogni estate a Montemurro la scuola di graffito. Le opere realizzate sono disseminate qua e là per il paese in una sorta di affascinate museo a cielo aperto. Lasciando Montemurro si va incontro allo splendido lago di Pietra del Pertusillo, circondato da un verde paesaggio. E’ incantevole anche la natura che si incontra salendo verso il Santuario della Madonna nera di Viggiano, sul Sacro Monte che domina la valle. Questo è luogo di profonda devozione e meta di pellegrini che ogni anno omaggiano la patrona della Basilicata. Ma qui ci sono anche impianti sciistici adatti al divertimento e al relax di tutta la famiglia. La scoperta degli angoli più suggestivi della Val d’Agri non si ferma qui. Merita una visita approfondita Marsico Nuovo, che conserva bei palazzi gentilizi e marsicovetereimportanti luoghi di culto: l’ex convento delle Benedettine, sede dell’Ente Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, il convento di San Francesco dove si può ammirare l’Ultima cena di Girolamo Todisco, ricca di splendidi particolari, e la chiesa di San Michele che ospita il Museo d’arte Sacra. Qui incantano gli affreschi del Battesimo di Cristo, databili tra il 1100 e il 1200, e il meraviglioso portale scolpito da Melchiorre da Montalbano. Il viaggio si conclude con un’ultima, imperdibile tappa: Marsico Vetere. Questo luogo, che sembra avvinghiarsi con forza alle pendici della montagna, conserva intatto il suo fascino di borgo antico. Anche il castello medievale, sebbene in buona parte distrutto, fa parte di un paesaggio da cartolina difficile da dimenticare

Share