Stampa

Itinerari tematici -Giustino Fortunato

Postato in Fortunato

Rionero in Vulture - Palazzo di Giustino FortunatoSulle orme di Giustino Fortunato si giunge a Rionero in Vulture, punto di partenza di questo itinerario. E’ piacevole regalarsi una passeggiata tra le vie del paese alla scoperta della sua storia, tra i bei palazzi signorili (Cisca, Giannattasio, Catena, Rotondo).  Tra tutti incanta Palazzo Fortunato, dall’elegante facciata e dall’ampio cortile interno dove oggi si tengono molte manifestazioni culturali. Il palazzo è anche sede della biblioteca comunale “G. Fortunato”. In questo edificio eretto nel Settecento soggiornarono re e politici, come Giuseppe Bonaparte, Ferdinando II di Borbone e Giuseppe Zanardelli. Profondamente radicata in questi luoghi è la cultura del vino. Il Vulture è terra di un grande vitigno, l’Aglianico. Qui è possibile visitare le storiche cantine dove quest’ottimo vino è lasciato ad invecchiare. Ma non lontano, a Barile e Ripacandida, paesi di origine arbëreshe, ve ne sono altre ancora, incastonate come gemme nelle colline di tufo. In queste terre, dove il vino e la sua cultura sono elementi del Barile - Cantine dello Scesciovivere quotidiano, si respira anche un forte sentimento religioso. Ne è un esempio Barile  con le sue molte chiese (San Nicola, Santa Maria delle Grazie, SS Attanasio e Rocco, Madonna di Costantinopoli), il bel monastero dei Carmelitani Scalzi e la suggestiva processione del Venerdì Santo, una delle più importanti del Mezzogiorno. Ripacandida è un piccolo centro, eppure ricco di tesori. Da non perdere la Chiesa Madre e la Chiesa di San Donato, con le meravigliose volte affrescate del XVI secolo. Un viaggio tra le due anime, quella pagana e quella cristiana del Vulture, non può escludere una sosta a Rapolla, città termale. Anche qui sono da visitare le caratteristiche cantine per poi inoltrarsi nello splendido centro storico dove si ammira una delle chiese più belle della Basilicata, la Cattedrale di Santa Maria Assunta, con il maestoso portale e i raffinati bassorilievi del maestro Sàrolo di Muro Lucano. Prima di raggiungere proprio Muro Lucano, sede di un importante Museo Archeologico ricco di reperti di storia della Basilicata nord - occidentale, si consiglia di concedersi una Ripacandida - Centro storico spausa indimenticabile tra le meraviglie della natura che qui nel Vulture non mancano e regalano ottime acque minerali. E’ uno straordinario connubio di natura e cultura Monticchio, con i suoi laghi di origine vulcanica circondati dal verde rigoglioso dei boschi di castagni e faggi. A sorvegliare la pace di questi specchi d’acqua l’Abbazia benedettina di San Michele, dove ha sede il Museo del Vulture. Altro spettacolo della natura sono le cascate di San Fele e i boschi di Bella, da visitare anche per le bellezze dei caratteristici centri storici. Ultime tappe di questo avvincente viaggio sono, più a nord, Castelgrande e Pescopagano. A Castelgrande la particolare posizione geografica e l’assenza di inquinamento acustico e luminoso hanno permesso la nascita di un importante Osservatorio Astronomico, punto di riferimento per gli astrofili del Meridione. Pescopagano, dominato dall’antica rocca fortificata, presenta un interessante centro storico e numerose chiese, tra cui l’antica chiesa di San Giovanni Battista, eretta nel 970.