• levi ok home1
    Carlo Levi
  • gesualdo-da-venosa
    Gesualdo da Venosa
  • morra home ok1
    Isabella Morra
  • orazio home ok1
    Quinto Orazio Flacco
  • papaleo ok home1
    Rocco Papaleo
  • gesualdo ok home1
    Giovanni de Gregorio detto “Il Pietrafesa”
  • donald ok home1
    William Donato Phillips
  • scotellaro home1
    Rocco Scotellaro
  • alianelllo
    Carlo Alianello
  • coppola
    Francis Ford Coppola
  • michele tedesco ico
    Michele Tedesco
  • janora ico
    Michele Janora
  • ridola
    Domenico Ridola
  • De Luca
    Don Giuseppe De Luca
  • Albino Pierro
    Albino Pierro
  • Giustino Fortunato
    Giustino Fortunato
  • F.S.Nitti
    F.S. Nitti
  • sinisgalli
    Leonardo Sinisgalli
Stampa

Itinerari Tematici

Postato in Tedesco

castello moliterno tedescoIl viaggio alla scoperta di Michele Tedesco ci conduce in Val d’Agri, nella “sua” Moliterno. Non potrebbe essere altrimenti. Questo caratteristico borgo, che diede i natali all’artista, incanta il visitatore rivelando i suoi tesori ad ogni angolo. Più ci si addentra nelle tipiche viuzze del centro storico per raggiungere l’imponente castello feudale del XII secolo, più ci si lascia ammaliare dalle piazzette, dagli edifici in pietra e dai bei palazzi storici. Qui si respira un forte senso di appartenenza alla comunità e l’orgoglio per aver dato i natali a tanti illustri patrioti che contribuirono a costruire l’Italia odierna. Nacquero a Moliterno Michele Tedesco e suo cugino, lo storico e politico Giacomo Racioppi. Entrambi presero parte ai moti del ’48, come il spinoso-scorci sloro concittadino,  lo scrittore Fernando Petruccelli della Gattina. Lasciamo Moliterno e percorriamo la via che conduce a Spinoso, dove Tedesco trascorse altri anni della sua infanzia prima di raggiungere Napoli. Il verde della natura lussureggiante appaga lo sguardo, l’anima, il cuore. Giunti in paese, la più semplice della passeggiate si trasforma in un affascinante tuffo nella storia. Gli eleganti edifici del centro storico e uno sguardo dal belvedere di Piazza del Plebiscito rendono la visita indimenticabile. Mille volte anche lo sguardo del giovane Tedesco deve essersi perso tra quei panorami mozzafiato che non dimenticherà mai pur viaggiando per tutta la grumento-nova-dettagliovita tra l’Italia e l’Europa… Per comprendere appieno il temperamento e l’orgoglio delle genti della Val d’Agri che generò tanti studiosi e patrioti, occorre guardare indietro, al glorioso passato di queste terre. Ne restano importanti tracce a Grumento Nova, l’antica Grumentum, non solo nel museo cittadino ma anche in uno straordinario sito archeologico a cielo aperto, immerso in un paesaggio che toglie il respiro.
Share