• levi ok home1
    Carlo Levi
  • gesualdo-da-venosa
    Gesualdo da Venosa
  • morra home ok1
    Isabella Morra
  • orazio home ok1
    Quinto Orazio Flacco
  • papaleo ok home1
    Rocco Papaleo
  • gesualdo ok home1
    Giovanni de Gregorio detto “Il Pietrafesa”
  • donald ok home1
    William Donato Phillips
  • scotellaro home1
    Rocco Scotellaro
  • alianelllo
    Carlo Alianello
  • coppola
    Francis Ford Coppola
  • michele tedesco ico
    Michele Tedesco
  • janora ico
    Michele Janora
  • ridola
    Domenico Ridola
  • De Luca
    Don Giuseppe De Luca
  • Albino Pierro
    Albino Pierro
  • Giustino Fortunato
    Giustino Fortunato
  • F.S.Nitti
    F.S. Nitti
  • sinisgalli
    Leonardo Sinisgalli
Stampa

Biografia

Postato in de luca

delucaGiuseppe De Luca viene al mondo nel 1898 nel piccolo borgo di Sasso di Castalda.  Non trascorre però qui la sua infanzia. Dopo la morte della madre a causa del parto è allevato dalla nonna poco distante, a Brienza. Viene avviato agli studi in seminario a Ferentino e a Roma, dove diventa sacerdote nel 1921. Abbandona gli studi universitari in Lettere ma non un intenso percorso individuale di ricerca, coltivando la sua passione di storico tra codici e manoscritti. A lui va il merito di aver organizzato nella biblioteca di San Pietro in Vincoli fino al 1948 una delle più importanti raccolte private di volumi sulla storia della religiosità a Roma. Collabora con diverse riviste, tra cui L’Avvenire e L’osservatore Romano scrivendo recensioni letterarie. Nel 1942 fonda le Edizioni di storia e letteratura, più che una casa editrice una sorta di accademia, con l’intento di far crescere e promuovere giovani autori. L’obiettivo che egli persegue con ferma convinzione è quello di formare una nuova classe dirigente di ecclesiastici partendo dalla cultura come linguaggio universale, per arginare la frammentazione delle ideologie e il crescente clima di odio che attraversa l’Europa. Stringe rapporti con molti intellettuali e scrittori come Carlo Bo e Giuseppe Ungaretti e diviene grande amico del cardinale Angelo Roncalli, il futuro papa Giovanni XXIII. E’ proprio il pontefice a nominarlo consultore e membro della Pontificia Commissione preparatoria degli studi e dei seminari. Ma don De Luca ha la stima e l’amicizia anche di molti politici come De Gasperi, Sturzo, Segni, Togliatti, Colombo. Grazie ai suoi rapporti con Palmiro Togliatti è proprio lui a favorire la distensione tra la Chiesa e l’URSS suggerendo lo scambio di auguri tra il papa e Kruscev. Con Colombo si confronta spesso su un progetto a cui tiene particolarmente: salvaguardare le biblioteche e gli archivi ecclesiastici e privati della Basilicata, terra amata da entrambi. Muore nel 1962, a sessantaquattro anni.
Share