• levi ok home1
    Carlo Levi
  • gesualdo-da-venosa
    Gesualdo da Venosa
  • morra home ok1
    Isabella Morra
  • orazio home ok1
    Quinto Orazio Flacco
  • papaleo ok home1
    Rocco Papaleo
  • gesualdo ok home1
    Giovanni de Gregorio detto “Il Pietrafesa”
  • donald ok home1
    William Donato Phillips
  • scotellaro home1
    Rocco Scotellaro
  • alianelllo
    Carlo Alianello
  • coppola
    Francis Ford Coppola
  • michele tedesco ico
    Michele Tedesco
  • janora ico
    Michele Janora
  • ridola
    Domenico Ridola
  • De Luca
    Don Giuseppe De Luca
  • Albino Pierro
    Albino Pierro
  • Giustino Fortunato
    Giustino Fortunato
  • F.S.Nitti
    F.S. Nitti
  • sinisgalli
    Leonardo Sinisgalli
Stampa

I Luoghi

Postato in Michele Janora

Irsina


irsina
Una passeggiata a piedi nella bella Irsina ci aiuta a cogliere lo spirito che animò il Janora quando decise di portarne alla luce la storia. Nel borgo ben conservato lo splendore dei palazzi gentilizi D’Amato Cantorio e Janora si svela all’occhio del visitatore. Poi è la Cattedrale di Santa Maria Assunta, di origini mediaveli, a raccontare di altre meraviglie dell’arte, come la preziosa statua lignea di Sant’Eufemia risalente alla seconda metà del ‘400, seguita dalla chiesa del Purgatorio con i dipinti di Andrea Miglionico e Pietro Antonio Ferro. Giunti al convento di San Francesco si schiude dinanzia agli occhi un vero e proprio scrigno di tesori: la cappella interamente dipinta con affreschi del ‘300 e il Museo Civico Janora. Qui hanno trovato posto circa 1600 reperti  provenienti dalla Basilicata orientale e dalla Puglia nord-occidentale. Ornamenti, vasellame, monete e molto altro materiale  risalente ad un periodo che va dal Neolitico al tardo romano.

Oppido Lucano


tolve1
Come Irsina, anche Oppido Lucano era abitato fin dall’antichità. D’altronde solo 30 chilometri separano i due paesi. Qui il tempo ha restituito tracce dei villaggi dei Peuketiantes e il più importante reperto a noi noto sulla lingua osca, la Tabula Bantina. Poco fuori dal centro abitato si trovano i resti di ville romane costruite tra il I e il IV secolo a. C., Masseria Ciccotti e S. Gilio. In una visita ad Oppido non può mancare una sosta al Convento di Sant’Antonio, risalente alla seconda metà del ‘400. Qui sono conservate opere di Antonio Stabile e uno straordinario ciclo di affreschi del pittore cinquecentesco Giovanni Todisco. Ricchissimi di particolari tutti da scoprire, i dipinti raccontano episodi del Vecchio e del Nuovo Testamento. Oppido riserva piacevoli sorprese anche agli amanti del cinema. Qui infatti ha sede la Cineteca Lucana, custode di un interessate patrimonio di pellicole, manifesti d’epoca e macchinari per il cinema e il pre-cinema. Una tappa irrinunciabile per gli appassionati del mondo della celluloide.

Tolve


tolve itinerari
Alcune tracce rinvenute raccontano di un luogo abitato in età antichissima, già a partire dal terzo millennio a.C. Le tortuose vie che tagliano lo splendido paesaggio naturale circostante conducono al colle dove sorge questo luogo di profonda devozione. Ogni anno, il 16 agosto e il 16 settembre, migliaia di pellegrini provenienti da ogni angolo della Basilicata e dalle regioni limitrofe  arrivano qui per omaggiare il santo patrono, San Rocco. E’ una delle feste religiose più grandi e importanti del meridione.  A piedi si percorre il suggestivo centro storico e si raggiunge il Santuario, dove la statua lignea del santo è riccamente adornata di gioielli. Accanto alla chiesa, la Casa del Pellegrino è la testimonianza più toccante della profonda devozione popolare. Migliaia di ex voto, foto e lettere raccontano storie di dolore, di fede e di speranza.
Share