• levi ok home1
    Carlo Levi
  • gesualdo-da-venosa
    Gesualdo da Venosa
  • morra home ok1
    Isabella Morra
  • orazio home ok1
    Quinto Orazio Flacco
  • papaleo ok home1
    Rocco Papaleo
  • gesualdo ok home1
    Giovanni de Gregorio detto “Il Pietrafesa”
  • donald ok home1
    William Donato Phillips
  • scotellaro home1
    Rocco Scotellaro
  • alianelllo
    Carlo Alianello
  • coppola
    Francis Ford Coppola
  • michele tedesco ico
    Michele Tedesco
  • janora ico
    Michele Janora
  • ridola
    Domenico Ridola
  • De Luca
    Don Giuseppe De Luca
  • Albino Pierro
    Albino Pierro
  • Giustino Fortunato
    Giustino Fortunato
  • F.S.Nitti
    F.S. Nitti
  • sinisgalli
    Leonardo Sinisgalli
Stampa

Le opere

Postato in Tedesco

quadro tedescoPur essendo un profilo di primo piano nella scena artistica del secondo ‘800 e del primo ‘900 italiano,  di lui poco o nulla si conosceva prima di un accurato studio che ne ha riportato alla luce l’intensa vicenda umana ed artistica. Il frutto di questo lavoro minuzioso è una grande mostra a lui dedicata, Michele Tedesco. Un pittore lucano nell’Italia Unita (1834 – 1917) ospitata nel 2012 nella  Pinacoteca Provinciale di Potenza. Il lungo percorso artistico di questo raffinato pittore spazia da una fase di chiara impronta macchiaiola, frutto del soggiorno fiorentino, agli influssi dei circoli artistici tedeschi e vittoriani, fino alla pittura di accademia successiva al suo ritorno a Napoli. Il periodo fiorentino rappresenta un’importante tappa della sua formazione. Giunge in terra toscana con un importante bagaglio culturale che lo aveva già condotto verso la pittura del vero e la poetica della macchia. A Firenze, alla pittura di macchia si affiancherà la conoscenza dei pittori toscani del ‘400. Sono riconducibili a questo periodo opere come I viaggiatori aerei, la Ricreazione alle Cascine di Firenze e Partenza (Gita in barca). In questo e altri dipinti (I vincitori della battaglia di Legnano,  A Volterra ) Tedesco introduce  evidenti richiami al suo passato di patriota e combattente durante i moti rivoluzionari. I frequenti viaggi lo conducono nei circoli culturali bavaresi. La sua produzione artistica si arricchisce di eleganti figure femminili ritratte in scene di vita quotidiana dal sapore mitteleuropeo. Rinviano a questa fase opere come Cari Colombi,  Dopo la visita,  In terrazza e Una ragazza nella propria camera. Dai contatti con i circoli culturali della Londra Vittoriana nascono opere come Il giudizio di Paride e I Sibariti, che evocano le atmosfere idilliache delle tele dell’olandese Lawrence Alma-Tadema. Appartiene invece all’ultima fase della sua produzione La visita di Zanardelli in Basilicata, che racconta in chiave parzialmente allegorica il viaggio del Presidente del Consiglio Giuseppe Zanardelli in Basilicata per tastare con mano il dramma e la povertà delle terre del Meridione. A raccontare l’intensa vita di Tedesco restano oggi non solo i dipinti ma anche diciotto preziosi taccuini. Alle loro piccole pagine bianche egli affida appunti, riflessioni e curiosità ritraendo tutto ciò che vede. Di certo sono la testimonianza più sorprendente ed autentica dell’artista che sia giunta fino a noi.
Share