• levi ok home1
    Carlo Levi
  • gesualdo-da-venosa
    Gesualdo da Venosa
  • morra home ok1
    Isabella Morra
  • orazio home ok1
    Quinto Orazio Flacco
  • papaleo ok home1
    Rocco Papaleo
  • gesualdo ok home1
    Giovanni de Gregorio detto “Il Pietrafesa”
  • donald ok home1
    William Donato Phillips
  • scotellaro home1
    Rocco Scotellaro
  • alianelllo
    Carlo Alianello
  • coppola
    Francis Ford Coppola
  • michele tedesco ico
    Michele Tedesco
  • janora ico
    Michele Janora
  • ridola
    Domenico Ridola
  • De Luca
    Don Giuseppe De Luca
  • Albino Pierro
    Albino Pierro
  • Giustino Fortunato
    Giustino Fortunato
  • F.S.Nitti
    F.S. Nitti
  • sinisgalli
    Leonardo Sinisgalli
Stampa

Biografia

Postato in orazio

Quinto Orazio Flacco Ritratto di Anton von Werner sall«E, poiché il tempo è breve, riduci la lunga speranza. Mentre parliamo sarà già fuggita la vita invidiosa: cogli il giorno, e non credere al domani». Malinconico ma ironico, profetico ma realistico, Quinto Orazio Flacco, poeta e sostenitore dell’ideologia del “carpe diem”, nasce nel 65 a.C. in uno dei “Borghi più belli d’Italia”: Venosa.

Tra i principali esponenti della letteratura latina di età augustea, il vate epicureo trascorre la sua adolescenza tra i vicoli dell’affascinante comune del Vulture Melfese, dove frequenta i primi studi per poi trasferirsi a Roma insieme con il padre, esattore nelle vendite all’asta. Nell’Urbe Orazio entra a far parte della scuola del grammatico Orbilio, mentre ad Atene approfondisce le sue conoscenze filosofiche e retoriche.

Allo scoppio della guerra civile, il poeta lucano si arruola nell’armata repubblicana di Marco Giunio Bruto per poi interrompere la carriere militare in seguito alla disastrosa battaglia di Filippi. 


Una volta tornato, comincia a scrivere versi entrando in contatto con poeti e letterati e distinguendosi come maestro di eleganza stilistica. Determinante sarà l’incontro con Mecenate, ministro di Ottaviano, che il poeta lucano definisce “la metà dell’anima mia”. L’ingresso nel circolo di Mecenate suggella un legame eterno tra i due.

Alla morte dell’amico segue, a distanza di poco, quella di Orazio (8 a.C.), seppellito accanto a Mecenate sul colle Esquilino. Nella consapevolezza, come aveva cantato nel corso della sua esistenza, della fugacità della vita: «Vivrà padrone di sé, felice, chi di giorno in giorno potrà dire: ho vissuto».

Share